Punto e a capo.

è buffo pensare a come stanno le cose: esattamente un anno fa ero in crisi universitaria per via di anatomia1 e, nemmeno a farlo apposta, eccomi qui ad essere in crisi nuovamente, ma stavolta per anatomia2.

Bocciare un esame già tre volte è forse un segno che mi sta mandando l’universo per dirmi: “Ehi, ma non hai ancora capito che fai schifo? Molla quel camice, mettiti il cappellino e servimi il mio BigMac”. (senza offesa a quelli che lavorano da McDonald’s, si intende).

Sinceramente al momento sono demoralizzatissima e le parole di incoraggiamento non mi aiutano, però dovevo liberarmi di questi pensieri fastidiosi e quindi li scrivo, li scrivo per cercare di farmi coraggio, li scrivo perchè devo riuscire a rialzarmi in qualche modo e sconfiggere quella professoressa tanto st***** che mi sta facendo pensare di mollare quello che è il mio sogno. Perchè ho già capito come funziona, nella vita ci troveremo sempre di fronte a persone che cercheranno di farci abbandonare i nostri sogni, per diventare in futuro adulti tristi e insoddisfatti che devono rifarsi sul prossimo perchè la loro vita fa schifo.

E quindi dopo tutto questo fiume di pensieri mi viene da chiedermi: la lascio vincere sta vecchia e mal repressa ba******* oppure salgo in sella al mio cavallo e la uccido, così come San Giorgio ha ucciso il drago?? Bella domanda.